Blog Le Faremo Sapere Esperienze

Le prime volte nel mondo del lavoro, che generalmente sono disastrose, ma anche le seconde, che vanno meglio, e addirittura le terze. Per non parlare di quando si ottengono grandi successi.

Laurea in lettere: un fil rouge da sbrogliare

La vita è ciò che ti accade mentre sei tutto intento a fare altri piani, diceva qualcuno. Affrontare tutto questo con una laurea in lettere sulle spalle può aumentare esponenzialmente l’ansia da prestazione, ma può anche regalare grandi soddisfazioni. L’importante è non smettere di divertirsi. L’articolo di Gabriele Gelmini Premetto: non so come sia stato possibile uscirne vincitori. Da quando frequentavo le scuole medie, a chi mi chiedeva “cosa farai da grande?” ho sempre risposto: l’attore. Il teatro era (è e sarà sempre) casa. Ma le cose non vanno sempre come vogliamo, e per quanto io ambissi le tavole del…

università grande distribuzione

Il cammino verso la laurea può essere intralciato da molti nemici, anche da prosciutti e provoloni ribelli che faticano a stare sugli scaffali. Imparare a guidare un transpallet nella grande distribuzione fa comunque meno paura dell’ignoto post università.L’articolo di Noemi Didonna A 23 anni ero convinta di laurearmi giusto in tempo per rientrare nell’ultima sessione del primo anno fuori corso, ma un nemico più grande della pigrizia stava per incontrare il mio cammino all’università: la grande distribuzione. Dopo essere stata gentilmente cacciata dal vecchio studentato periferico a Bologna, decisi di prendere una casa in affitto con delle amiche. Necessitavo di…

Una linguista nel labirinto della logistica

Qualcuno dice che approntare una traduzione sia come percorrere un labirinto: si può trovare il filo e uscirne presto oppure rimanere incastrati alla ricerca di un indizio. All’uscita dalla facoltà di lingue straniere, la nostra Alice ha trovato però un altro labirinto da esplorare con le sue esperienze: quello della logistica.L’articolo di Alice Minissale Tutti noi abbiamo non dico per forza un sogno, ma anche solo una minima preferenza in fatto di lavoro. Con la Laurea in Lingue e Letterature Straniere l’ipotesi prospettata in fase di immatricolazione spaziava dal commercio estero all’insegnamento.  A marzo 2015, poco dopo aver ricevuto la…

Call center

Un capannone sperduto in periferia, in mezzo ad altri capannoni. Dentro si confezionano le migliori offerte telefoniche esistenti sul mercato. Quindi i call center esistono davvero? Pare di sì, parola di laureato in lettere. L’articolo di Ivano Steri Il capannone è sperduto in periferia, in mezzo ad altri capannoni dove, invece di offerte telefoniche, si confezionano prodotti di utilità varia, dalla pulizia della casa alla prevenzione di gravidanze indesiderate. Gli operatori, seduti alle loro postazioni, con il microfono che sembra un’escrescenza aliena, propongono, alludono, blandiscono e insistono. Mi guardo intorno. Mi siedo. “Un caffè?”.Ma sì. Un caffè. Lungo preambolo“… e…

il videomaker e la chiamata

Questa è la storia di Alberto, che da bravo umanista ha scelto una carriera da videomaker, grafico, rider, fotografo e tanto altro. Essere flessibili e pronti a tutto è spesso una risorsa per un Laureato, ma cosa succede quando fra le esperienze lavorative si affaccia un incontro ravvicinato con un mucchio di pinguini e una rubrica di gossip?L’articolo di Alberto S. Mi chiamo Alberto S.Non perché non voglia dire il mio cognome, ma solo perché fa più figo e misterioso. Mi sono laureato al Dams nel 2018 e sono uno di quei pochi fortunati che ha trovato dei lavoretti in…

Lo farei anche gratis storia di un lavoro quasi fantastico

Quando ci piace il nostro lavoro, è facile ritrovarsi a pensare: “Lo farei anche gratis”. State attenti però, perché se lo pensate troppo forte qualcuno potrebbe sentirvi. Soprattutto se lavorate per lo Stato!L’articolo di Gabriele Chincoli Ho affrontato Lettere e la magistrale di Italianistica con un obiettivo: diventare un insegnante di letteratura e di storia. Era il mio sogno, il mio traguardo da raggiungere, la calda luce abbagliante in fondo al delirante tunnel che è stato per me (e per quelli che hanno frequentato insieme a me) l’università. Essere dall’altra parte della cattedra. Non quello che impara, ma quello che…